Varia Costruzioni

 

La società nasce il 04 febbraio 2000 per iniziativa e soprattutto per l’intuizione del Geom. Stefano Varia titolare della società Varia Costruzioni Srl. L’obiettivo principale della società è quello di far fronte alle reali necessità della zona di sopperire alla mancanza di un sito ricettore dei rifiuti derivanti dalle attività di costruzione e demolizione.

In generale, la problematica inerente lo smaltimento dei materiali derivanti da attività edilizia merita attenzione non tanto per il livello di pericolosità del rifiuto (trattasi di rifiuto classificato non pericoloso) quanto per l’enorme quantità che se ne produce in Italia e quindi anche nel nostro territorio.

La tecnologia R.O.S.E. adottata dalla V.V.A. consente di convertire, mediante l’attuazione di un dedicato procedimento di trattamento, i rifiuti speciali non pericolosi di origine edilizia in aggregati alternativi ai tradizionali materiali di cava reimpiegabili per la costruzione di opere di ingegneria civile in genere (riempimenti, rilevati, sottofondazioni ecc.).

La VVA è in possesso dell’Autorizzazione Provinciale N° 524 del 28/01/2010 in regime di procedura ordinaria Art. 208 per il conferimento di rifiuti speciali non pericolosi. A tale autorizzazione originaria sono state apportate modifiche attraverso varie Determine Dirigenziali, si riportano di seguito le più significative : D.D. n. 5058 del 25/10/12: sostanziali modifiche alla 524 dove si autorizzano al trattamento i codici cer 17.05.04 e 17.05.06 per la produzione di M.P.S oltre alla definizione di macrotipologie; D.D. N. 422 DEL 17/02/16: variazioni riguardanti la possibilità di miscelare rifiuti e lavorarli per la produzione di M.P.S.; D.D. N. 10995 DEL 27/10/16: variazioni riguardanti la rimodulazione dei quantitativi movimentati annui fermo restando il quantitativo globale autorizzato.

La VVA è inoltre in possesso della Determina Provinciale N° 45 del 27/06/2007 per il conferimento di rifiuti urbani non differenziati (limitatamente a quelli derivanti dalla pulizia degli arenili ovvero “lavarone”).

La VVA inoltre ha ottenuto la Certificazione Ambientale ISO 14001:2004 il 19/07/2007; tutto questo a dimostrazione che la nostra società è impegnata nel rispetto dell’ambiente, non solo riguardo alle problematiche prima espresse per il recupero dei rifiuti (principalmente edili), ma anche per tutto quello che viene prodotto e generato al suo interno per la produzione di Materie Prime Seconde.

I prodotti M.P.S. ottenuti dalla lavorazione con l’impianto a tecnologia R.O.S.E. sono prodotti certificati CE secondo la norma UNI EN 13242 per “Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici per l’impiego in opere di ingegneria civile e nella costruzione di strade”. Dalla certificazione con il Sistema CE 4, per inerti impiegati in uso a basso rischio di sicurezza, la nostra Società ha successivamente ottenuto il Sistema CE 2+ per inerti impiegati in uso ad alto rischio di sicurezza.

Le M.P.S. prodotte dal nostro impianto sono conformi a quanto richiesto dal “Capitolato speciale d’appalto tipo a carattere prestazionale per l’utilizzo di materiali inerti riciclati da costruzione e demolizione” della Regione Toscana (Delibera G.R. 15 maggio 2006 N° 337); la Regione Toscana suggerisce a tutte le Amministrazioni Pubbliche e a tutti i soggetti privati l’utilizzo di almeno il 30% di materiali riciclati nelle opere di ingegneria civile industriale.

A rafforzare ancor più quanto sopra, è appena entrata in vigore (2 febbraio 2016) la legge n° 221/2015 “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali”, nota anche come Collegato Ambientale alla Legge di Stabilità del 2014. Col suddetto Collegato Ambientale, diventa sempre più concreta l’integrazione delle esigenze ambientali negli appalti pubblici grazie all’obbligatorietà degli acquisti sostenibili nella Pubblica Amministrazione ovvero il Green Public Procurement (GPP).

Il GPP previsto dalla Commissione Europea con la comunicazione 2003/302 come strumento per orientare le scelte delle pubbliche amministrazioni verso beni e servizi in linea con una politica sostenibile sempre più rispettosa dell’ambiente, favorisce la riduzione della produzione di rifiuti. In particolare è l’art. 18 del Collegato Ambientale che obbliga, a partire dal 2 febbraio 2016, le amministrazioni pubbliche a inserire i criteri ambientali minimi nella documentazione delle gare per l’acquisto di beni, ossia obbliga all’utilizzo seppur parziale di materiali riciclati.

 


ATTESTAZIONE DI QUALIFICAZIONE
ALL'ESECUZIONE DI LAVORI PUBBLICI

 
 

 

 

Politica Qualità, Ambiente, Responsabilità Sociale e Sicurezza

Politica

 

 Prestazioni Ambientali (ISO 14001)

Gli aspetti ambientali maggiormente significativi in relazione alle attività della impresa edile sono:

  • Gestione rifiuti prodotti nei cantieri
  • Utilizzo di risorse
  • Rumore provocato dalle attività di cantiere
  • Emissioni di polvere diffuse in atmosfera

 

 Prestazioni inerenti la Responsabilità Sociale (SA 8000)

 

1. Cenni informativi sul percorso certificativo intrapreso dall’azienda

La decisione di ottenere la certificazione secondo lo standard internazionale SA 8000esplicita la volontà dell’azienda di conformare i propri principi ispiratori e di funzionamento organizzativo, nonché i propri processi decisionali e comportamenti associativi alla consapevolezza che non c'è antitesi tra lo sviluppo dell’azienda e la responsabilità sociale, al contrario la loro coniugazione può dare risultati molto positivi.

Varia Costruzioni S.r.l. considera il personale come un suo capitale fondamentale; a tal fine dimostra consapevolezza dei problemi loro collegati e profonde impegno e volontà per risolverli, non solo nell'interesse dello staff, ma anche dell'azienda stessa.

SA 8000 prescrive la conformità ai seguenti requisiti:

  • lavoro minorile
  • lavoro obbligato
  • salute e sicurezza sul lavoro
  • libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva
  • discriminazione
  • procedure disciplinari
  • orario di lavoro
  • criteri retributivi

 

2. Bilancio sociale

Il Bilancio sulla Responsabilità Sociale SA 8000 risponde all'obiettivo di comunicare in modo trasparente, chiaro e completo a tutte le parti interessate sulle prestazioni dell'azienda relativamente agli aspetti della Responsabilità Sociale, e di fornire un resoconto puntuale sulla propria capacità di soddisfare i requisiti della norma SA8000.

pdf Ultimo bilancio sociale

 

3. Obiettivi sul Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale

pdf Obiettivi di miglioramento del Sistema di Gestione

 

4. Risultati audit ente certificatore

pdf Risultati ultimi audit SA 8000

 

5. Lavoro minorile e segnalazioni SA 8000

Per diffondere le politiche e le procedure per la promozione della educazione dei bambini e dei giovani lavoratori riportiamo la seguente procedura:

pdf Procedura lavoro minorile

Per garantire a tutti i lavoratori e a tutte le parti interessate una facile comunicazione di rilievi e suggerimenti in merito agli aspetti inerenti SA 8000, l’azienda ha istituito un sistema di inoltro di comunicazioni come definito nella seguente procedura:

pdf Procedura di segnalazione

 

Per inviare un rilievo SA 8000 in forma anonima potete usare il modulo sotto riportato (la segnalazione è anonima). 


 

IMPIANTO DI PRODUZIONE LOC. MONTEBONELLI – VIA PROVINCIALE MORIANESE, 1140 – LUCCA

Costituito da:

  • Impianto per la frantumazione di materiali inerti di cava o di fiume della potenzialità di circa 80 mc/ora, completo di frantoi, vagli con lavaggio, Molino a barre ed a martelli, silos, filtropressa ecc. Ecc.
  • Impianto automatic per la produzione di calcestruzzi cementizi tipo CIFA “Lodi”, complete di cabina elettronica di commando, nastri trasportatori e silos cemento.
  • Impianto Rocchietti, per la produzione di conglomerati bituminosi con produzione oraria media di 120 ton., completo di silos e deposito filler, cisterne per bitumi tradizionali e modificati, cisterne per olio combustibile, completamente automatiche e con sistema di supervisione computerizzata.

Gli impianti sono posti su terreno di mq. 18.000 di proprietà dell’impresa.

 

 

IMPIANTO  DI  PRODUZIONE LOC. MOTRONE – VIA AURELIA KM. 365 – PIETRASANTA - LUCCA

Costituito da:

  • Impianto Rocchietti, per la produzione di conglomerati bituminosi con  produzione oraria media di ton. 150, completo di silos e deposito filler, cisterne per bitumi tradizionali e modificati con elastomeri, cisterne per olio combustibile, completamente automatico; l’impianto è dotato di cilindro essiccatore Ecorecycling 225-250 ecocompatibile.
  • Capannone industriale della superficie di mq. 3000 e resede esclusiva di mq. 9.000,   per il ricovero delle attrezzature e degli automezzi, completo di ufficio, refettorio, magazzini ricambi, officina, servizio di lavaggio automezzi con macchine a vapore, distributore di carburante con colonnina erogatrice di gasolio e cisterna da litri 9.000.

Impianto fotovoltaico da 200 kw con pannelli integrati nella struttura del tetto.